Circolo Padova d'Italia FdI Italia FdI Padova FdI Veneto

Critica a Furlan vale la sospensione dei vertici di Fdi

Fonte: Mattino di Padova del 06/07/2018 – di Luca Preziusi

La Meloni presenta a Roma l’ingresso dell’ex forzista Per i fratelli Zanon, Ascierto, la Buffoni e altri 5 chiesti 6 mesi di allontanamento

Entra Furlan ed escono (temporaneamente) i fratelli Zanon, Marina Buffoni e Filippo Ascierto.

Fratelli d’Italia cambia pelle e lo fa attraverso decisioni che faranno sicuramente discutere. Ieri è stata direttamente la leader Giorgia Meloni a presentare a Roma l’ingresso nel partito dell’ormai ex forzista e fondatore del famoso “esercito di Silvio” Simone Furlan, considerato il “sicario” (su mandato di Marco Marin) della giunta di Massimo Bitonci, e portato alla corte di Fdi dal coordinatore regionale, Sergio Berlato.

Una scelta che non era piaciuta a molti componenti padovani storici di Fratelli d’Italia, che hanno preso le distanze e usato parole pesanti nei confronti dell’ex commissario cittadino di Forza Italia, considerandolo tra i colpevoli della fine anticipata dell’amministrazione leghista.La loro posizione, esternata in una conferenza stampa il 23 giugno, è costata un deferimento da parte del coordinamento regionale con annessa richiesta di sospensione per almeno 6 mesi dal partito. Non avrebbero rispettato lo Statuto di Fdi, che prevede l’assenso sulle scelte degli  organi nazionali.

Ora toccherà alla commissione nazionale di garanzia decidere se confermare la richiesta, rifiutarla, o addirittura aumentarla (non è da escludere l’espulsione).

A finire sotto processo sono stati: i fratelli Zanon, Raffaele e Gabriele, tra i fondatori dell’Msi a Padova, l’ex assessore della giunta Bitonci, Marina Buffoni, l’ex parlamentare Filippo Ascierto, e i coordinatori dei circoli: Tommaso Tommasi, Silvia Carpanese, Gianluca Mettidoro, Tiziana Fichera e Carlo Capuzzo.

Una scelta che provocherà un trambusto nel partito padovano, anche alla luce delle dichiarazioni sulla questione Bitonci dello stesso Furlan, rese ieri a Roma: «A Padova io ho solo eseguito degli ordini del partito, prendendomene le responsabilità, ma con la convinzione di avere poi la copertura di chi gli ordini li aveva dati. Invece Forza Italia mi ha pugnalato e lasciato solo»

Related posts

Atreju 2019, Circolo Padova d’Italia presente

«La giunta ha fallito, no al nuovo progetto»

Meloni: «A fianco di Zaia in Veneto L’autonomia? Aspettiamo Boccia»

Lascia un commento

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web. Accetto Leggi

Privacy & Cookies Policy