• Home
  • FdI Veneto
  • Tumore seno – screening personalizzati donne sotto i 50, progetto pilota Padova e Povigo
FdI Veneto

Tumore seno – screening personalizzati donne sotto i 50, progetto pilota Padova e Povigo

Fonte: cafetv24.it del 07/07/2018

“La gratuità dei controlli per la prevenzione del tumore al seno anche per le donne sotto i 50 anni oggi è una realtà e parte da Padova – dichiara Massimiliano Barison, Consigliere regionale di Fratelli d’Italia – Solo nel 2015 sono stati diagnosticati ben 49.300 casi di tumore al seno portandolo ad essere il carcinoma più frequente per la popolazione femminile in ogni classe di età.”

“La mozione nr. 208 del 24 febbraio 2017 di cui ero primo firmatario è stata approvata all’unanimità dal Consiglio Regionale in aprile dello scorso anno ed oggi la Regione Veneto avvia un Progetto Pilota (“screening taylored”) biennale. In primo piano – aggiunge Barison – l’Istituto oncologico veneto-Iov di Padova e inizialmente saranno coinvolte 10 mila donne tra 45 e 46 anni, residenti nelle Ulss 5 Polesana e 6 Euganea. Si procederà individuando prima le categorie a rischio quali le donne esposte nelle zone fortemente inquinate, donne nella cui famiglia questa patologia si ripete e non solo.”

“Il progetto pilota è stato avviato grazie alla delibera della Giunta regionale e all’Assessore alla Sanità, Luca Coletto, stanziando 100 mila euro per il 2018 e 100 mila per il 2019. Ad oggi – prosegue Barison – la prevenzione e la cura in Veneto raggiunge tassi di guarigione oltre il 90% ma se il tasso di aggressione a simili tumori può essere maggiormente diminuito non ci tireremo indietro.”

“Da anni ci sono controlli gratuiti rivolti alla popolazione femminile di età compresa tra i 50 e i 69 anni, ma ora, grazie all’approvazione del mio provvedimento, questo limite sarà portato a 45 anni con percorso di screening personalizzati. Il rischio è stato suddiviso in profilo zero (rischio inferiore al 17%), profilo uno (rischio tra 17% e 30%), profilo due (rischio pari o superiore al 30%) e profili tre e quattro (alto rischio genetico). Ringrazio la Giunta e l’Assessore Coletto – conclude Barison – poiché la prevenzione del tumore è primaria per debellare un male diffuso tra le donne. Preso per tempo si può curare.”

Related posts

Giachi torna a insegnare dopo gli scontri in piazza. Donazzan “Scandaloso”

Piva responsabile regionale Veneto della Consulta per Enti Locali

Giorgetti va con Fdi, ma si tiene il gruppo: corsa al logo forzista

Lascia un commento

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web. Accetto Leggi

Privacy & Cookies Policy