• Home
  • FdI Italia
  • «Luigi aveva il Tricolore nel cuore, una scelta di vita»
Circolo Padova d'Italia FdI Italia FdI Territorio

«Luigi aveva il Tricolore nel cuore, una scelta di vita»

Fonte: Gazzettino di Padova del 22/01/2020 – di Ba.T.

Un addio commosso e molto partecipato al Duomo aponense di San Lorenzo per Luigi Tarquini, 55 anni, sottufficiale dell’Aeronautica militare ed ex consigliere comunale, morto domenica notte dopo aver lottato sette mesi contro un tumore ai polmoni.

In tanti si sono stretti al dolore della moglie Giovanna e dei familiari. Sulla bara un cuscino di fiori bianchi dove spiccava il colore blu delle rose a ricordare le tonalità delle divise del corpo militare di cui Tarquini faceva parte da quando aveva 18 anni. Ad accogliere il feretro un picchetto di militari dell’Aeronautica, e cinque appartenenti al gruppo dei Templari Cattolici di cui l’ex consigliere di Rubano era parte. Accanto al feretro la sezione di Abano Terme dell’Unione Nazionale Sottufficiali (Unsi), a cui era iscritto e che ha seguito tutto l’iter per il riconoscimento da parte del Ministero dell’Interno di vittima del dovere: Tarquini era il più giovane dei militari in servizio alla base del 1° Roc del Venda deceduti negli ultimi anni per le esalazioni killer del radon.

In chiesa anche una rappresentanza del gruppo di Protezione civile di Rubano, dove il cinquantacinquenne aveva collaborato per anni anche con il ruolo di caposquadra, ex commilitoni dell’Aeronautica, amici, colleghi nei banchi dell’opposizione, e tanti cittadini. Al termine della celebrazione è stata letta la preghiera dell’Aviatore e in chiesa sono risuonate le note della tromba con Il Silenzio, che ha commosso i presenti.

A salutare Tarquini anche il sindaco Sabrina Doni. «La più bella manifestazione di affetto che potevamo dimostrare a Luigi è vedere che qui oggi, insieme ai familiari, ai suoi amici, colleghi di lavoro, ci sono anche tante persone di Rubano, amministratori di ieri e di oggi, e tanti singoli cittadini che hanno conosciuto Luigi per il suo impegno civile, come consigliere comunale e come volontario della protezione civile. É la voce di questa gente che cerco di interpretare, come sindaco desidero trasmettere a Luigi, a nome di tutta la comunità di Rubano, un profondo sentimento di gratitudine per il suo essere stato uomo generoso, che ha più volte risposto con un sì convinto a quell’invito alla partecipazione civile a cui ci sprona la Costituzione. Il Tricolore che indosso lui ce l’aveva nel cuore, fino a farne una scelta di vita».

Related posts

L’appello di Piva: “Il Governo sblocchi le assunzioni”

AGNA, GUERRA APERTA A CHI ABBANDONA RIFIUTI

Sicurezza, Berlato e Barison: “Giunta regionale sostenga acquisto dispositivi salva bebè”

Lascia un commento

Utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico. Inoltre forniamo informazioni sul modo in cui utilizzi il nostro sito ai nostri partner che si occupano di analisi dei dati web, pubblicità e social media, i quali potrebbero combinarle con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto in base al tuo utilizzo dei loro servizi. Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web. Accetto Leggi

Privacy & Cookies Policy